News Video

Sifford, l’ispiratore di Tiger Woods

Video De Luca

Proseguono le “Storie di Golf” raccontate da Massimo De Luca che, in questa puntata, ci presenta la figura di Charlie Sifford, il primo campione di colore del PGA Tour, predecessore e ispiratore di Tiger Woods, come il Fenomeno ha avuto più volte modo di confermare.

C’era un tempo, nemmeno troppo lontano, in cui in America esisteva un circuito golfistico che di bianco annoverava solo la pallina. Vuol dire che tutto il resto – giocatori, giudici, caddie, spettatori – erano neri.

Il perché è semplice: ai neri non era consentito gareggiare con i bianchi e la PGA contemplava nel suo statuto la clausola “Caucasians only” che vietava l’accesso agli afroamericani. I quali, appunto, restavano ghettizzati in quel circuito di “Negro Open”, come vennero battezzati, popolato perlopiù di caddie dei grandi country club del Paese.

È in questa cornice che si dipana la vicenda di Charles Sifford, che diventa rapidamente una stella dei “Negro Open” (ne vincerà sei in totale, di cui 5 consecutivi negli anni Cinquanta) e lì giocherà fino al 1961, quando finalmente la PGA cancellò la clausola razzista: Sifford, già 39enne, fece comunque in tempo a ritagliarsi uno squarcio di carriera.

«Senza di lui», commentò un commosso Tiger Woods alla notizia della sua morte (3 febbraio 2015), «mio padre non avrebbe probabilmente mai potuto giocare a golf. E, di conseguenza, non avrebbe potuto insegnarmelo. Per me Charlie Sifford è stato come un nonno; quello che, nella vita, purtroppo non ho avuto».