News

Per Johnson una stagione “alla Woods”? Calma…

Johnson_Woods

L’annata straordinaria di Dustin Johnson (3 vittorie e 2 secondi posti su 14 tornei giocati, il trionfo in FedEx e la Giacca Verde, che peraltro già fa parte della stagione 2021), ha ricordato a molti una stagione “alla Tiger Woods”.

Un’infilata di successi e ottimi piazzamenti che hanno tenuto DJ in cima al Ranking mondiale per un bel po’ di tempo: attualmente siamo a 106 settimane e anche questa reiterata permanenza al vertice sa molto di Tiger Woods.

Piano, però, con i paragoni: per quanto Johnson sia un indiscutibile campione, è ancora lontano anni da Tiger Woods. Più o meno, undici!

Justin Ray – portavoce (tra le altre cose) di The 15 Club, un portale di divulgazione golfistica – è un’enciclopedia vivente di statistiche e, in un momento in cui probabilmente aveva poco da fare, si è preso la briga di calcolare quanto manca a DJ per raggiungere davvero il Fenomeno.

Ora è terzo

Al momento, in un’ipotetica classifica di permanenza al primo posto del Ranking, Johnson è al terzo posto, a pari merito con Rory McIlroy: entrambi hanno guardato tutti gli altri dall’alto per 106 settimane.

Ma è una parità assolutamente provvisoria, poiché DJ è solo “in transito” dalla 106a settimana e appena riprenderà a giocare si sbarazzerà della compagnia del giocatore nordirlandese, costringendolo alla quarta posizione.

Alla caccia di Norman

Per diventare, poi, il secondo giocatore al vertice OWGR, Dustin dovrà impegnarsi parecchio: Greg Norman è rimasto sul tetto del mondo per 331 settimane, il che significa che DJ è appena a un terzo del cammino.

Ma la Tigre, dall’alto delle sue 683 settimane da Numero 1, è imprendibile. Justin Ray ha calcolato che DJ dovrebbe restare in cima al Ranking ininterrottamente per altri undici anni, per raggiungere finalmente il Fenomeno a Natale 2031, quando avrà 47 anni.

Sono calcoli, chiaramente, fini a sé stessi, senza alcuna pretesa se non quella di “filosofeggiare” amabilmente di golf. Ma queste cifre, al di là della loro volatilità, dimostrano una volta di più il valore assoluto di Tiger Woods. Con buona pace di Dustin Johnson, attuale Numero Uno del Ranking.