Amateur

Open d’Italia: l’impegno della PGAI

Open PGAI

L’European Tour è arrivato a Roma e l’Open d’Italia, in corso da questa mattina al Marco Simone Golf & Country Club, vede subito in prima linea l’impegno della PGAI nel favorire la miglior riuscita di questo evento internazionale.

Portare al golf un pubblico nuovo è una delle priorità della Professional Golfers’ Association of Italy, che ha da tempo avviato un percorso di promozione nelle piazze, nelle scuole, nei parchi pubblici, con street event e open day in ogni parte d’Italia.

La rappresentanza italiana è emanazione della Professional Golfers’ Association, nata a Londra nel 1901 per garantire continuità alla tradizione e ai valori del gioco del golf. PGA Italiana è stata fondata nel 1963 e conta attualmente 670 associati.

Un’occasione per cominciare

L’Open d’Italia rappresenta una prima volta per molti, curiosi di vedere il golf da vicino, il suo mondo e i suoi attori, e di sperimentare. E qui entrano in scena i Professionisti di PGA Italiana con il compito di offrire la prima esperienza di gioco e, magari, di trasformarla in un’irresistibile voglia di golf.

All’Open la prima lezione non costa nulla e resta nel cuore: basta seguire le frecce verso l’area “Prova il golf” e poi lasciarsi guidare da mani esperte (lezioni disponibili dalle 9 alle 18).

Benvenuti i più piccoli e benvenuti i “Superabili”, per un golf che è momento di divertimento, terapia e inclusione. Attese alla prova anche le quote rosa, con una postazione loro dedicata e tutte le info utili per proseguire nei circoli che offrono alle ladies pacchetti dedicati di facile accesso. (Fonte: PGAI)

(02 Settembre 2021)