News

Manassero ancora secondo ad Acaya

Manassero Alps Tour

Sfugge ancora per un solo colpo la vittoria a Matteo Manassero, sul secondo torneo consecutivo dell’Alps Tour disputato sul campo di Acaya (Lecce). Come già quattro giorni prima, Manassero aveva chiuso in testa le prime 36 buche.

Ma ancora una volta, proprio nel finale, ha perso il primato, stavolta a beneficio dell’amateur francese Paul Margolis, che lo ha superato con due birdie alla 13 e alla 14, combinati con due bogey dell’azzurro alla 14 e alla 15.

Così, sulla 18, al francese è bastato anche un bogey per chiudere da vincitore in -12. Al terzo posto, con -8, l’altro dilettante italiano Gregorio De Leo di Biella. Quinto posto per il “veterano” Alessandro Tadini (-6).

Di nuovo protagonista

Il disappunto per un successo nuovamente sfiorato (dopo la vittoria ottenuta l’estate scorsa in Toscana) è parzialmente attenuato dalla conferma del ritorno a una buona competitività di Matteo, dopo la lunga crisi che, da protagonista sull’European Tour, lo ha visto precipitare nelle classifiche fino a perdere la carta anche del Challenge Tour.

Gli è mancata, per due volte consecutive sullo stesso campo, la freddezza e la lucidità per portare a casa la vittoria che il francese ha colto chiudendo in 66 colpi, tre meno di lui.

In testa all’Ordine di Merito

Ma adesso è ragionevole sperare che, col ritorno a una maggior fiducia in sé stesso, possa ritornare anche quella naturalezza nel gioco vincente che l’aveva reso protagonista fino al 2013. Manassero, classe 1993, che, prima di compiere vent’anni aveva già vinto quattro tornei fra cui il PGA Championship di Wentworth, è ancora abbastanza giovane per ricostruire la sua carriera. I prossimi impegni s’incaricheranno di chiarire se potrà essere in grado di tornare a competere anche a un livello più alto.

Con questo risultato, però, Manassero, con un totale di 8.088.75 punti, è il nuovo leader dell’Ordine di Merito del terzo circuito europeo maschile.