Circoli Video

Storie di Golf – “L’Acquasanta”, campo di re, generali e monsignori

Nato nel 1903 l’Acquasanta è il più antico Circolo di golf italiano. Il campo, a ridosso della Appia Antica, gode delle meravigliose viste della Cupola di San Pietro e dell’acquedotto Appio Claudio. Due solennità che regalano forti emozioni a chi si trova a giocare sui suoi fairway.

A partire dal dopoguerra, l’Acquasanta – già in precedenza Circolo di altissimo prestigio nel panorama italiano – diventa punto di riferimento sia per gli appassionati romani. Insieme a loro, arriva un’accresciuta comunità internazionale, in particolar modo inglese e americana.

Nella seconda metà del Novecento i fairway del Club capitolino ospitano re, generali, politici, ambasciatori, prelati e attori. Un jet-set di alto livello, ora aristocratico ora mondano, spesso proveniente dall’estero, che si trovava nella Capitale per impegni istituzionali o per lavoro.

Personaggi che, insieme ai loro score (più o meno alti), hanno firmato aneddoti ed episodi di cui, nel tempo, si è intessuta la storia del Circolo romano.

Massimo De Luca, direttore di Golf Italia, ce ne fornisce, in questa nuova puntata di “Storie di Golf”, una rapida carrellata, “perché quello che succede a Roma è sempre un po’ particolare e Roma travasa le sue storie nello storico campo dell’Acquasanta”.