News

EuroTour: Paratore trionfa al British Masters

Paratore tionfa British Masters

Ripartenza colorata d’azzurro per l’European Tour: Renato Paratore ha trionfato nel Betfred British Masters, primo di una serie di sei tornei denominati “UK Swing”, con cui il circuito continentale riprende la propria attività dopo il lockdown.

Sul percorso del Close House GC (par 71), a Newcastle-upon-Tyne, in Inghilterra, Paratore, 23enne romano, ha giocato quattro giorni di grandissimo golf, dopo aver già fatto bene anche allo scorso Austrian Open, dove aveva concluso in 15a posizione.

Dopo un primo giro in cui aveva già dato segnali di fermento (secondo, in ritardo di un solo colpo), Paratore ha aperto il gas e per tutti è stata notte fonda: durante il secondo round, martoriato da vento e pioggia, il giocatore romano ha preso il comando grazie a cinque birdie (da aggiungersi ai sei del giorno precedente) e nessun bogey.

«Oggi è stato davvero bello», aveva commentato l’azzurro al termine delle 36 buche, «poiché ho giocato veramente bene, in maniera solida, e in particolare ho espresso un ottimo gioco corto. Inoltre ho salvato alcune situazioni difficili quando ne avevo bisogno».

Altri cinque birdie nel terzo round (16 in tutto su 54 buche. E sempre senza bogey) e la cavalcata finale di quest’oggi con quattro birdie e due bogey, per uno score-spettacolo di 266 colpi (65 66 66 69, -18), con cui ha lasciato a tre lunghezze Rasmus Hojgaard (269, -15) – “vendicandosi” del play-off dello scorso anno al Mauritius Open, in cui il danese lo aveva superato – e a quattro il sudafricano Justin Harding (270, -14).

Paratore ha fronteggiato con molta calma e sicurezza gli attacchi degli avversari, dimostrando una padronanza del gioco in tutte le parti del campo. Come dire: con un Renato così, non c’è storia per nessuno!

I complimenti di Chimenti

«Quella di Renato Paratore al British Masters è una vittoria che il golf italiano merita per tutto l’impegno che sta mettendo in campo in questi anni», ha commentato a caldo Franco Chimenti, presidente Federgolf. «Paratore è un ragazzo in cui abbiamo creduto tantissimo e ha la stoffa e il talento per qualificarsi alle prossime Olimpiadi di Tokyo».

Il presidente ha avuto parole di stima anche per gli altri azzurri che hanno passato il taglio: «Un plauso anche ai nostri Pavan e Migliozzi che a Newcastle hanno ben figurato. E a tutte le affermazioni che si succederanno fino all’edizione italiana della Ryder Cup 2023».

Secondo titolo sul Tour

Per Paratore è la seconda vittoria sull’EuroTour, dopo il successo nel Nordea Masters del 2017. Nel suo palmares anche una Medaglia d’Oro ai Giochi Olimpici giovanili di Nanchino 2014.

«Sono molto felice. Ho giocato davvero bene. Non pensavo di tornare a vincere alla mia seconda gara dopo il lockdown, ma ho lavorato duramente l’anno scorso e ora se ne vedono i frutti».

Queste le emozioni di Renato. Che ha aggiunto: «Ho detto al mio caddie e a tutto il mio staff che l’obiettivo è ora quello di andare all’US Open, conquistando il posto attraverso l’ordine di merito relativo a questi sei tornei britannici dell’UK Swing e ho fatto un passo importante».

Con questa vittoria, il giocatore romano decolla nel Ranking (dalla posizione 270 alla 152) e si accomoda al sesto posto nella Race to Dubai. Inoltre, adesso guida la classifica “Gold for Good”, iniziativa benefica varata dal board dell’European Tour per lo “UK Swing”, che prevede un ordine di merito sulle sei gare con i primi dieci che avranno un posto nel field del prossino US Open. Costoro si divideranno anche un premio di 250.000 sterline da devolvere a enti di beneficenza a loro scelta.