Tecnica

Come la lunghezza dello shaft influenza il driver

Come la lunghezza dello shaft influenza il driver

Gli shaft dei driver stanno diventando sempre più lunghi, ma a quale prezzo per il nostro gioco? Rob McGarr esamina i fatti e scopre come la lunghezza dello shaft influenza il driver.

Quanto è lungo lo shaft del tuo driver?

Per la maggior parte dei giocatori di golf, le risposte sono “non ne ho idea”, “un po’ più lungo del mio legno 3” o “non abbastanza lungo da farmi uscire da quel cespuglio quando lo uso per misurare dove mi è permesso droppare”.

E perché dovresti saperlo o preoccuparti? Sono più o meno tutti uguali, giusto? Ma cosa succederebbe se ti dicessimo che il drive nella tua sacca ora è probabilmente due, tre o anche quattro pollici più lungo di quello che avevi 15 anni fa?

E se ti dicessimo che la lunghezza extra potrebbe rendere più difficile per te colpire la palla in modo solido, facendoti mancare più fairway e probabilmente anche perdere distanza dal tee? E, infine, ti sei mai chiesto perché i migliori giocatori del pianeta utilizzano shaft più corti rispetto a quelli utilizzati dalla maggior parte dei dilettanti?

“Direi che il 90% degli shaft venduti nei negozi oggi sono troppo lunghi per la maggior parte dei giocatori”, afferma lo stimato clubmaker Tom Wishon, di Wishon Golf. “La lunghezza standard del driver di 45,5-46,5 pollici offerta dalla maggior parte delle aziende è troppo lunga per la maggior parte dei golfisti e impedisce loro di raggiungere il massimo potenziale di distanza e precisione”.

Dolori in crescita

Come la lunghezza dello shaft influenza il driver shaft lenght

La maggior parte degli shaft era di circa 43 pollici fino all’inizio degli anni ’90. Lo standard di serie ora va da 45,5 a 46,75 pollici. Due le ragioni di questa crescita:

  • La dimensione della testa del driver è aumentata in modo significativo. Metti una testa più grande su uno shaft della stessa lunghezza a cui sei abituato e sembrerà enorme perché il tuo occhio non è abituato. Gli shaft, di conseguenza, si sono allungati per sembrare esteticamente più gradevoli.
  • In secondo luogo, il fattore più importante, il modo in cui acquistiamo i driver è cambiato. Vent’anni fa ne avrai provati alcuni e avrai comprato quello che ti piaceva di più o quello che sembrava metterti nelle migliori posizioni. Oggigiorno, con l’avvento e la proliferazione dei launch monitor, puoi vedere esattamente quanto lontano tiri qualsiasi driver ancor prima di acquistarlo. Puoi ottenere un feedback immediato su angolo di lancio, carry, spin, sidespin e mille altre metriche. Ma ce n’è solo una che la maggior parte dei giocatori vuole sapere:

“Quanto lontano è arrivato?”

I golfisti sono più ossessionati che mai dal colpire la palla il più lontano possibile dal tee. E quando un nuovo costa 450 dollari o sterline, vuoi più distanza possibile ad ogni colpo. Vai e colpisci 50 palline usando diversi driver con shaft e avrai un debole per quello che ha colpito la sfera il più lontano. I produttori sanno che una canna più lunga offre le migliori possibilità di ottenere il colpo “wow, è andato un miglio” che rimane nella tua mente e ti tenta all’acquisto. Ecco perché continuano ad allungarsi e non possiamo incolpare i produttori se è quello che compriamo.

La distanza vende

Come la lunghezza dello shaft influenza il driver

“Gli shaft più lunghi possono creare una maggiore velocità della testa del bastone, con conseguente maggiore velocità della palla e guadagno di distanza”, afferma il fondatore di Custom Lab Golf Gavin Hay. “Questo è il motivo per cui i produttori hanno continuamente aumentato le lunghezze delgli shaft standard nel corso degli anni. Vogliono che i loro proprietari superino gli altri marchi sulla distanza”.

Ma è una buona notizia per noi? Probabilmente no, dice Hay.

“Se uno shaft è troppo lungo per il giocatore, dovrà lottare per trovare lo sweet spot in modo costante. I colpi fuori centro non solo riducono drasticamente la velocità e la distanza della palla, ma hanno anche un grande impatto sulla precisione. ”

Allora perché i produttori li vendono?

“L’industria del golf generalmente si adatta a tutto ciò che ha funzionato bene nei test”, afferma Derek Murray (www. Foregolf.ie). “Durante i test sui robot, potresti scoprire che uno shaft più lungo potrebbe mandare la palla più avanti di cinque o otto metri. Quindi colpiscilo nel centro è andrà lontano. Ma con un colpo sulla pinta o sul tacco perderai otto o nove miglia all’ora di velocità della palla, il che finirà per costarti distanza e precisione “.

È possibile, quindi, che una canna più corta possa effettivamente aiutarti a colpire la palla più lontano?

“Abbiamo visto un buon numero di giocatori non perdere velocità della testa del bastone durante il test di shaft più corti di un pollice rispetto al loro attuale, ma che hanno trovato il centro della faccia del bastone in modo più costante”, afferma Hay. “Questo miglioramento del colpo genera una maggiore velocità della palla, che è ciò che crea la distanza.”

Se non sei bravo con driver nelle tue mani come i migliori giocatori del pianeta, perché ti aspetteresti di essere in grado di colpirne uno con uno shaft più lungo di loro?

“Raramente costruisco driver lunghi 46 pollici”, afferma Murray, un ex installatore di tour che ritiene che la stragrande maggioranza dei suoi clienti stia meglio con uno shaft più corto dello standard del produttore. “In tour ho costruito molto raramente driver più lunghi di 45 pollici.” E Wishon è d’accordo. “C’è una buona ragione per cui la lunghezza media dei drive nel PGA Tour è di 44,5 pollici e non di 45,5 o 46,5.

Mettendoli alla prova

Come la lunghezza  dello shaft influenza il driver various driver

Abbiamo costruito un driver Callaway Rogue in 43,5, 44,5 e 45,5 pollici, con tutti i parametri identici tranne la lunghezza dello shaft. La canna più lunga ha prodotto una velocità media della testa del bastone più alta a 97,9 mph  generando anche una velocità della palla più alta di 146,1 mph. Ma la distanza totale risultante di 273,7 iarde è stata superata dal driver da 44,5 pollici, che ha generato una media di 274,4 iarde, nonostante la velocità della testa del bastone fosse di 1,3 miglia all’ora più lenta. Il carry era di quattro iarde più lungo con shaft da 44,5 pollici rispetto al suo fratello più lungo.

La ragione?

Il nostro tester è stato in grado di trovare meglio il centro della faccia del bastone con un pollice in meno di shaft. Lo shaft più corto ha prodotto colpi più corti, ma solo di tre yard. La dispersione media era migliore con la canna più corta e peggiore con quella più lunga.

In conclusione

Non è un semplice caso: accorciare lo shaft abbasserà anche il tuo handicap. La lunghezza attuale potrebbe essere perfetta per te, come potrebbe anche essere necessario uno shaft più lungo. Ma, come hanno dimostrato i nostri esperti e test, un buon numero di golfisti trarrebbe vantaggio da una canna più corta. Potresti effettivamente aumentare la distanza e ci sono buone probabilità di colpire più fairway.

“Prova più corto”

suggerisce Murray, il quale afferma che anche mezzo pollice può fare una grande differenza.

Rob McGarr © GolfWorld

banner_golf_italia_orizzontale_download