Tecnica

In bunker con la palla infossata sotto sponda

Bunker palla infossata

Nessuno si augura di ritrovarsi in bunker con la palla infossata sotto la sponda; ma siccome, purtroppo, ogni tanto succede, bisogna farci i conti per non compromettere clamorosamente uno score pulito o per non perdere la buca in match play. Quindi, diamoci da fare cercando di capire

Come tirarci fuori di qui?

Come sempre, il segreto sta nel creare un set-up per permettere al bastone di creare, attraverso la linea di tiro, il volo di palla necessario. Usate questo metodo e non solo vi tirerete fuori dai guai, ma probabilmente potreste anche fare approccio e putt.

La chiave: scavate con velocità

Ci sono due aspetti su cui basare il vostro colpo:

1. La parte bassa della palla è sotto il livello della sabbia.

2. Il bastone dovrà prendere più sabbia del solito.

Per via di questi fattori, dovrete creare un movimento che tagli la sabbia, con tantissima forza. Per riuscirci, utilizzate questo set-up:

Faccia square: per tagliare la sabbia, dovremo utilizzare la lama del bastone.

Peso sul piede davanti

Inclinatevi verso il bersaglio finché i bottoni della maglietta non saranno oltre la linea della palla. Il peso dovrà essere circa al 70% sul piede davanti e anche il bastone dovrà essere leggermente inclinato. Questi accorgimenti creeranno un’azione più verticale, per incidere maggiormente la sabbia.

Stance aperto: vi aiuterà ad aprirvi in avanti per creare velocità.

1. Set-up: inclinate le spalle

Dopo tutti questi cambiamenti nel set-up, vi dovreste ritrovare con le spalle inclinate verso il terreno. Questa è un’ulteriore garanzia che l’angolo d’attacco sarà verticale.

2. Backswing: dev’essere verticale

bunker-swing-verticale

Questo set-up vi permetterà di avere un backswing altrettanto verticale. Aiutatevi piegando subito i polsi. Evitate ogni movimento laterale: i bottoni della vostra maglietta dovranno sempre rimanere avanti alla linea della palla.

3. Impatto: sotterrate il bastone

Bunker, impatto sotto sponda

Eseguite questo colpo utilizzando un ritmo che vi permetta di entrare nella sabbia con la maggior forza possibile. Mirate 2 o 3 cm dietro alla palla. Una bella immagine è quella di sotterrare la faccia del bastone sotto alla sabbia. Fidatevi. La sabbia rallenterà l’impatto.

4. Follow-trough: mani basse, intorno al fianco

Un errore molto comune nell’esecuzione di questo colpo è quello di “deloftare” (cioè colpire con le mani eccessivamente avanti). Per evitare questo, create una traiettoria esterna: le mani dopo aver colpito la palla andranno verso sinistra (per i destrimani). Lo stance aperto vi aiuterà. La traiettoria vi faciliterà nel mantenere il loft della faccia del bastone per ottenere il volo di palla necessario.

© Golf World