News

Adesso è certo: la Ryder si disputerà nel 2021

Ryder Cup 2021

Adesso è certo: la Ryder Cup si disputerà nel 2021. La notizia era nell’aria da giorni e le voci del rinvio si susseguivano senza sosta, al punto che già questa mattina lo spostamento veniva dato per certo, anche in mancanza di una conferma ufficiale.

Nel pomeriggio una nota congiunta di PGA of America e di Ryder Cup Europe ha confermato ciò che ormai era risaputo: l’appuntamento con la Coppa più ambita del golf è rinviato a settembre 2021, dal 24 al 26 per la precisione.

Prima, la salute di tutti

«Gli esperti sanitari e le autorità pubbliche del Wisconsin non potevano fornirci garanzie sulla possibilità di organizzare responsabilmente a settembre un evento con migliaia di spettatori», ha spiegato Seth Waugh, CEO della PGA of America. «Alla luce di queste incertezze, abbiamo deciso di ricalendarizzare la gara al 2021. Fermo restando il rammarico per la scelta presa, la nostra priorità è sempre stata quella di salvaguardare la salute di tutti. L’ipotesi di un evento a porte chiuse non è mai stata una strada percorribile dal momento che la presenza del pubblico caratterizza in maniera unica e inimitabile la Ryder Cup».

A Roma nel 2023

Slitta di conseguenza l’intera programmazione dell’evento, che torna a disputarsi negli anni dispari; e la sfida di Roma, inizialmente prevista al Marco Simone dal 30 settembre al 2 ottobre 2022, si sposta nel 2023 (in data ancora da stabilire).

Rinviata di un anno anche la President’s Cup, il match tra Usa e Resto del Mondo a eccezione dell’Europa, che si disputerà dal 19 al 25 settembre 2022.