Circoli

A Tolcinasco, vino e golf pensando alla Ryder

Tolcinasco vino golf

Vino e golf è un binomio sul quale Antonio Faravelli, titolare di Cantine Vitea e fondatore del marchio “Golf and Wine 1895”, ha puntato da tempo e in settembre ha scelto la cornice del Golf Club Castello di Tolcinasco per presentare alcuni suoi prodotti.

Golf and Wine 1895 è nato per rappresentare al meglio l’eccellenza italiana e si prepara alla prestigiosa Ryder Cup 2023. E intanto mette sul tavolo il Buttafuoco Ca’ del Cervo, da più esperti definito “rapsodico”. E il Riesling Viteus, un bianco di grande freschezza, elegante, morbido, di lunga persistenza, con delicati ritorni floreali.

Due nuove etichette

«In programma ho due nuove degustazioni», sottolinea Faravelli. «“Gallesio”, un Bonarda che porta il nome di Giorgio Gallesio, noto dirigente pubblico e botanico che nel 1831 diede il nome al vitigno. E, poi, “1895 Barbera”, un Grand Crù che dedichiamo come omaggio ai nostri avi. Un vino che ha già ottenuto riconoscimenti su alcune guide internazionali tra cui la prestigiosa “Winescritic 2020”».

Per i suoi vini, Cantine Vitea è stato inserito nella sezione “Vini da non perdere” dell’edizione 2019 di “Vini buoni d’Italia”, la guida firmata dal Touring Club Italiano, con un Bonarda definito anche “Lusinghevole”, che ha meritato la valutazione massima di quattro stelle per la sua piacevolezza, corrispondenza al vitigno e piacevolezza. In campo internazionale ha ottenuto due medaglie d’oro in Asia, una medaglia d’argento e due medaglie di bronzo da decanter a livello mondiale.