News

A Dubai si comincia nel segno di McIlroy

McIlroy Dubai

A Dubai si comincia nel segno inequivocabile di Rory McIlroy, che al termine del primo giro comanda la classifica del DP World Tour Championship sull’Earth Course del Jumeirah Golf di Dubai.

Il nordirlandese è partito col turbo nel gran finale dell’European Tour, torneo che per la prima volta mette in palio un montepremi di nove milioni di dollari, che sancirà la classifica finale di questa stagione ed eleggerà il numero uno dell’Ordine di Merito.

Nel suo score, quattro birdie, un eagle e un bogey nelle prime nove buche e due birdie nelle seconde, per un totale di 7 sotto il par.

Alle sue spalle, staccati di due colpi, tre giocatori: il danese Joachim Hansen, il sudafricano Christiaan Bezuidenhout e il finlandese Tapio Pulkkanen, noto anche per il cappello old style, stile Sam Snead, che è solito indossare.

Laporta: voglia di riscatto

Partenza senza acuti per i due italiani che hanno conquistato la finale. Tutto sommato buono il -1 di Francesco Laporta, anche se, ovviamente, lui non si dichiara soddisfatto.

La conquista di un posto tra i 53 finalisti è da considerare già un eccellente risultato, ma l’ottimo stato di forma e la vittoria sfiorata domenica scorsa sull’altro percorso dello Jumeirah rendono lecito alzare il livello delle aspettative.

Nel suo score, quattro birdie e tre bogey che lo collocano al 32° posto. «Devo assolutamente fare meglio», le sue parole a fine gara. «Oggi ho vissuto troppi alti e bassi e su un percorso così complicato gli errori si pagano». Poi di corsa in campo pratica, sotto lo sguardo dei suoi coach Pietro Cosenza e Massimo Scarpa, a sistemare le cose che non hanno funzionato.

Migliozzi: c’è tempo per rimediare

Diverso il discorso per Guido Migliozzi, chiamato a porre il sigillo a una stagione da incorniciare. È partito dalla 13sima posizione nella Race to Dubai, ma oggi è inciampato in un giro un po’ complicato. Il +1, frutto di tre birdie e quattro bogey, lo colloca in 40sima posizione, ma c’è tutto il tempo per rimediare. Anche lui subito al lavoro, soprattutto in putting green, con il coach Alberto Binaghi.

Domattina, secondo giro: Migliozzi parte alle 6:05 italiane (le 9.05 sul campo) con Richard Bland, l’inglese che lo superò al playoff del British Masters, aggiudicandosi la prima vittoria in carriera al 478° tentativo. Laporta, invece, parte alle 7:00 (le 10.00 locali) con il sudafricano Justin Harding. McIlroy scenderà in campo alle 9:45, con Tapio Pulkkanen.

(18 novembre – Dal nostro inviato a Dubai Stefano Cazzetta)